Loading...
Comanda ogni cosa 2018-02-06T11:51:54+00:00

Dio “se vuole” può comandare ogni cosa

Spesso incolpiamo Dio per il male che ci accade, e a volte arriviamo addiritura a credere non esista, che solo l’avversario abbia potere su questo mondo, o che l’uomo sia completamente libero di agire e che sopra di lui non esista alcun DIO. Questo è l’inganno più conveniente che lo spirito del male ci suggerisce e martella nella testa. Dio esiste; gli unici responsabili del male che ci accade siamo noi stessi che preferiamo seguire il pensiero del mondo, tutti i suoi eccessi ed idoli. L’avversario prende potere su di noi, e se non ci convertiamo, diventiamo sui figli, quindi perchè incolpiamo DIO…e non il Padre che abbiamo scelto?

Il Signore disse: «Come il mio servo Isaia è andato spoglio e scalzo per tre anni, come segno e simbolo per l’Egitto e per l’Etiopia, così il re di Assiria condurrà i prigionieri d’Egitto e i deportati dell’Etiopia, giovani e vecchi, spogli e scalzi e con le natiche scoperte, vergogna per l’Egitto. Allora saranno abbattuti e confusi a causa dell’Etiopia, loro speranza, e a causa dell’Egitto, di cui si vantavano. In quel giorno gli abitanti di questo lido diranno: Ecco che cosa è successo al paese al quale ci eravamo rivolti e nel quale cercavamo rifugio per essere aiutati e liberati dal re di Assiria! Ora come ci salveremo?». ISAIA 20-3

Una voce grida: «Nel deserto preparatela via al Signore, appianate nella steppa la strada per il nostro Dio. Ogni valle sia colmata, ogni monte e colle siano abbassati; il terreno accidentato si trasformi in piano e quello scosceso in pianura. Allora si rivelerà la gloria del Signore e ogni uomo la vedrà, poiché la bocca del Signore ha parlato».  

Una voce dice: «Grida» e io rispondo: «Che dovrò gridare?». Ogni uomo è come l’erba e tutta la sua gloria è come un fiore del campo. Secca l’erba, il fiore appassisce quando il soffio del Signore spira su di essi. Secca l’erba, appassisce il fiore, ma la parola del nostro Dio dura sempre.

  Veramente il popolo è come l’erba. Sali su un alto monte, tu che rechi liete notizie in Sion; alza la voce con forza, tu che rechi liete notizie in Gerusalemme. Alza la voce, non temere; annunzia alle città di Giuda: «Ecco il vostro Dio! Ecco, il Signore Dio viene con potenza, con il braccio egli detiene il dominio. Ecco, egli ha con sé il premio e i suoi trofei lo precedono. Come un pastore egli fa pascolare il gregge e con il suo braccio lo raduna; porta gli agnellini sul seno e conduce pian piano le pecore madri». Chi ha misurato con il cavo della mano le acque del mare e ha calcolato l’estensione dei cieli con il palmo? Chi ha misurato con il moggio la polvere della terra, ha pesato con la stadera le montagne e i colli con la bilancia? Chi ha diretto lo spirito del Signore e come suo consigliere gli ha dato suggerimenti? A chi ha chiesto consiglio, perché lo istruisse e gli insegnasse il sentiero della giustizia e lo ammaestrasse nella scienza
e gli rivelasse la via della prudenza? Ecco, le nazioni son come una goccia da un secchio, contano come il pulviscolo sulla bilancia; ecco, le isole pesano quanto un granello di polvere. Il Libano non basterebbe per accendere il rogo, né le sue bestie per l’olocausto. Tutte le nazioni sono come un nulla davanti a lui, come niente e vanità sono da lui ritenute. A chi potreste paragonare Dio e quale immagine mettergli a confronto? Il fabbro fonde l’idolo, l’orafo lo riveste di oro e fonde catenelle d’argento. Si aiutano l’un l’altro; uno dice al compagno: «Coraggio!». Il fabbro incoraggia l’orafo; chi leviga con il martello incoraggia chi batte l’incudine, dicendo della saldatura: «Va bene» e fissa l’idolo con chiodi perché non si muova. ISAIA 40 – 3,19

Dai te stesso ora! Aiuta il prossimo in difficoltà.
Translate »